Commento – The Whispers 1×01 “X Marks the Spot”

La fantascienza e Spielberg si riuniscono per la nuova serie tv estiva “The Whispers”, trasmessa dalla ABC, e questo non poteva che invogliarci a scoprire almeno il pilot, prodotto da un genio cinematografico.

I bambini come avrete capito sono la colonna portante e su di loro, sulla loro innocenza, aleggiano presenze misteriose.

Tutto parte nel Maryland, in una casa come tante altre, dei bambini giocano nel cortile, tutti tranne Harper, una bimba che parla con un “amico immaginario” da lei chiamato Drill, il quale la invita a partecipare ad un “gioco”.
Così, munita di martello, la piccola sfonda il legno in un punto della sua casetta sull’albero e fa andare la propria madre in quel punto, causandole una caduta quasi mortale.
Poi Harper grida “Ho vinto”.
Situazione già abbastanza ambigua e terrificante, a cui va ad aggiungersi la visione di un misterioso uomo tatuato (Milo Ventimiglia) che fissa la scena dalla strada.

image

A risolvere il caso viene chiamata l’agente dell’FBI Claire Bennigan (la stupenda Lily Rabe ammirata in “American Horror Story”).
Essendo uno dei protagonisti della serie ci viene spiegata la sua storia personale tutt’altro che semplice. Infatti il marito è morto in un incidente aereo e il figlio è da poco sordo-muto.
Claire ha modo di interrogare la piccola Harper, che confessa spunti interessanti di riflessione per la comprensione della serie, infatti riferisce a Claire che Drill le parla attraverso le luci di casa e che il gioco per lui ancora non è finito riferendosi alla manipolazione dei bambini.
image

Infatti successivamente ci vengono presentate Lena (Kristen Connoly vista in “House of Cards”) e sua figlia Minx, successiva “vittima” della presenza chiamata Drill.
Anche Lena ha una storia complicata, a causa del tradimento del suo compagno/marito Wes Lawrence, il quale si trova nel deserto del Sahara per lavoro.

Claire nel mentre capisce subito che qualcosa nel caso di Harper non va, intuendo la presenza di qualche manipolazione sulla bimba, purtoppo il collega incompetente non le è d’aiuto. Comunque riesce a trovare addirittura un caso precedente a quello di Harper, riguardante un bambino morto a causa di un esplosivo fatto esplodere da lui stesso manipolato da questo fantomatico Drill.

Intanto il maniaco/barbone/tatuato/capellone e chi più ne ha piu ne metta, si palesa nuovamente e guidato da una presenza (Drill?) o semplicemente strafatto (non crediamo) aggiunge sulla lista dei bambini manipolati il nome di Minx, dopo quello di Harper.
image

Per chiudere il cerchio ci viene presentato meglio anche Wes (marito di Lena) che lavora per il Dipartimento della Difesa, che nel Sahara viene a contatto con una roccia formata da sabbia solidificata ed energia elettrica di un aereo caduto da quelle parti.
Ovviamente questa “roccia” deduciamo sia la fonte di queste manipolazioni, ma lo scopriremo.

Tutte queste chiacchiere per arrivare ad un finale che condensa più colpi di scena di tutta una stagione di Beautiful, infatti nel Sahara Wes scopre l’identità del pilota dell’aereo caduto.
Suddetto pilota non è nient’altro che il tatuato di nome Sean!
Wes appena saputa la notizia chiama Claire e scopriamo che tra i due c’è stata una relazione e (tenetevi forte) Wes conosce Sean perché era il marito di Claire (la quale pensava fosse morto)!

A fine puntata inoltre vediamo Henry (il figlio sordo-muto) di Claire PARLARE con Drill ringraziandolo di averlo guarito!

Bhe, che dire… di misteri ce ne sono, forse fin troppi. La serie promette bene, ma ovviamente speriamo con tutto il cuore che la voglia di strafare non la logori, maledicendo il non poterci gustare la seconda puntata subito.