Recensione – Arrow 4×23 “Schism” (Season Finale)

Mentre il ventiduesimo episodio si è concentrato maggiormente sui tentativi di Felicity, Curtis e suo padre di mantenere il Rubicon inattivo (e sui drammi familiari della famiglia Smock), il season finale dà il ben servito a tutto ciò che è stato fatto. Darhk attacca casa di Felicity e riesce a rubare il computer che conteneva tutti i dati per bloccare i Rubicon.

af5222cbaec68ede018483e7c3893018

Insomma la situazione è disperata, ma a bloccare l’attacco per fortuna c’è Thea, riuscita a risalire in superficie dopo la distruzione delle cupola di Darhk, e ha in ostaggio la figlia di quest’ultimo. Thea infatti ha salvato la figlia dall’attacco omicida di Lonnie che in cerca di vendetta ha fatto saltare in aria la cupola, ma soprattutto ha ucciso la moglie di Darhk, Ruvé. Il team è ora costretto a sfruttare subito l’unico deterrente che ha su Darhk, che per quanto sia brutto da dire visto che era semplicemente una bambina, poteva essere utilizzato meglio. Darhk oramai ha tutto dalla sua parte, ha il Rubicon, ha sua figlia, ha la forza ricevuta dopo l’uccisione di tutte le persone morte grazie alla testa nucleare scoppiata ma soprattutto, non ha la minima voglia di salvare il mondo, nemmeno i suoi eletti.

Il team ha meno di due ore per cercare di bloccare l’attacco nucleare, ed è già un impresa disperata, ma a peggiorare il tutto, le due ore diventeranno poco più di venti minuti dopo un attacco a sorpresa nel covo del team, alla fine del quale Oliver fa ciò che gli riesce meglio fare da sempre: incolparsi. Questa volta però inaspettatamente a farlo ragionare è Curtis che gli spiega di come lui stesse facendo le valige prima dell’annuncio di green arrow e di come lui sia un faro di speranza per la città, che merita di essere salvata. Proprio grazie a queste parole, Oliver fa un discorso al popolo di star city convincendolo a combattere e non arrendersi, mentre però il missile nucleare si avvicina sempre di più alla cittadina.

arrows4f1

Curtis e Felicity però trovano un modo per disarmarlo e si mettono in moto per arrivare alla fonte del rubicon dove trova il suo ex, l’hacker ingaggiato da Darhk, al controllo della tastiera che comanda i missili, riuscendo a convincerlo a staccarsi, anche a costo della sua vita. Oliver invece indossati i panni di Green Arrow attacca Darhk che inizialmente ha la meglio, sino a quando il popolo, arriva e contrattacca, ed è proprio grazie alla fiducia del popolo che Oliver trova abbastanza forza per bloccare la maglia di Darhk e iniziare un combattimento corpo a corpo, non solo tra i due, ma anche tra il popolo e i fantasmi.

E alla fine, come era ovvio, Oliver sconfigge Darhk, ma non si limita a ciò, lo uccide, come aveva promesso dopo il funerale di Laurel. Ciò che è inaspettato però è che vediamo il contrario della stagione scorsa. Mentre allora ad andarsene furono Oliver e Felicity, questa volta sono tutti gli altri ad abbandonare, hanno tutti bisogno di una pausa, lasciando però solo loro a difendere la città e Oliver con un doppio compito, proteggere la città di notte come green arrow e tutelarla di giorno come nuovo sindaco.

medium-clean (2)

In conclusione ho trovato questa stagione di Arrow molto fiacca e soprattutto in alcuni episodi noiosa. Sono state poche le puntate che mi hanno catturata come trama e ancor di meno quelle che ricordo. Darhk ad inizio stagione mi aveva colpito profondamente come cattivo, sembrava davvero ben caratterizzato, per poi rivelarsi quello che secondo me è stato il peggiore, una delusione. Ed è proprio per questo che la morte di Laurel mi ha infastidita ancora di più. Non solo è stata inutile a livello della trama, ma anzi sembrava buttata lì solo perchè ad inizio stagione avevano promesso una morte. Il personaggio di Laurel non meritava questo.

Ancora più inutile in questa stagione sono stati i flashback che davvero ti facevano venire voglia di andare avanti veloce. Si sono rivelati utili solo nell’episodio con Constantine (uno dei pochi buoni della stagione) e forse in quest’ultimo episodio visto che ci fanno vedere come Oliver ritorna in possesso dei vestiti che aveva quando appicca il falò per tornare a starling city.

Lascio insomma quest’ultimo episodio di Arrow tenendo le dita incrociate per la prossima stagione, sperando in una buona trama, senza tutti i buchi di questa.

PS: quando ad inizio episodio ho letto Katie Cassidy ho davvero sperato che comparisse da un momento all’altro… e invece le mie speranze sono state vane.

Un ringraziamento speciale a: Arrow Source ItaliaMy name is Oliver Queen / Arrow ItalyEmily Bett Richards Army.Felicity Smoak? Hi, I’m Oliver QueenFelicity, you are remarkableOlicity / I love spending the night with youStephen Amell ItaliaMiss Felicity SmoakOlicity – The World of Olicity ItaliaArrow-LaulicityKatherine Evelyn Anita Cassisy Fans.Emily Bett Rickards e Katie Cassidy: ArrowI ship Lauliver – ArrowFelicity Smoak more like perfection

Salutiamo e  ringraziamo le nostre affiliate: Serietvitalia – Multifandom is the way. Okay? Okay. – Le serie tv mi riempiono la vita – Serie tv news – Telefilm e film 4ever – Serial lovers – telefilm page – Film&SerieTV – Serie tv, la nostra droga – Serie Tv Italia – Non solo cinema – Telefilm MoodI Love Film and Telefilm

 

Summary